Lunedì Nov 20

Le collezioni mineralogiche

Collezione comprendente circa 600 specie mineralogiche. Solo pochi campioni sono stati acquistati, mentre la maggioranza deriva da donazioni e campagne di ricerca.

 

Terzi Federico
Contiene i campioni provenienti dall'Isola d'Elba che rappresentano il primo nucleo della collezione mineralogica del Museo. Donata nel 1887 dal Sig. Federico Terzi, ha un elevato valore storico.

 

Caffi Enrico
Collezione di notevole importanza storica costituita dal primo direttore del Museo, comprende 40 specie di minerali in gran parte provenienti da miniere bergamasche. Altri reperti si riferiscono a numerose località italiane ed estere di Europa, Africa, America ed Asia.

 

Vieille Montagne
Raccolta storica costituita da minerali provenienti dalle miniere di zinco della bergamasca e donata dalla principale società mineraria dedita allo sfruttamento di questi giacimenti.

Noble Luigi
La donazione fu fatta personalmente dal direttore dei lavori minerari della società Vieille Montagne ed è costituita da esemplari provenienti dalle miniere di zinco di Val Seriana e Val Brembana. Sono presenti 6 specie mineralogiche.

Piccinelli Piero
Raccolta frutto di varie donazioni fatte al Museo tra il 1931 e il 1937 contenente 70 specie mineralogiche.

 

Cavalletti Venceslao
La collezione comprende più di 200 campioni di zolfo provenienti dalle miniere di Perticara e altri minerali, tra cui una serie di cristalli limpidi e trasparenti di gesso, provenienti da Toscana, Sardegna e Piemonte e da varie altri parti del mondo. Sono state riconosciute 61 specie mineralogiche. I magnifici campioni di zolfo provenienti da Perticara vinsero una medaglia all'Esposizione Internazionale di Parigi del 1900.

 

Manighetti Angelo
La donazione comprende minerali provenienti da Australia, Asia ed Europa, oltre che da varie località italiane.

 

Volta Cesare
La collezione comprende principalmente minerali provenienti dalle miniere dell'Isola d'Elba tra cui dei bellissimi campioni di ematite. Sono presenti anche esemplari di zolfo provenienti dalle miniere di Perticara. In tutto la raccolta comprende 15 specie.

 

Gruppo Orobico Minerali
Collezione ancora aperta, dal 1970 raccoglie i campioni donati dal Gruppo Orobico Minerali, un'associazione cittadina che unisce numerosi collezionisti. I minerali della collezione provengono dalla bergamasca, in particolare dalle miniere di zinco, fluorite e ferro.

Eredi Beltrami Costantino
La raccolta è stata donata al museo dai discendenti del noto esploratore bergamasco, comprende 41 campioni, tra cui 19 specie.

 

Pezzotta Federico
Raccolta di minerali provenienti da varie località della bergamasca e da altre località alpine tra cui Val Formazza, Biellese, Adamello, Val di Mello. Da ricordare i quarzi di Selvino.

 

Antofilli Mario
La raccolta del noto collezionista ligure, comprende oltre 11.000 pezzi e costituisce il nucleo principale dell'intera collezione mineralogica del Museo. Donata al Museo nel 1989 dalla Provincia di Bergamo, comprende prevalentemente minerali liguri a cui si affiancano anche campioni provenienti da altre parti d'Italia e del mondo oltre a 2600 campioni micromount. I minerali liguri provengono dalle principali località mineralogiche della Liguria, spesso scoperte dallo stesso Antofilli, mentre tra i campioni mineralogici provenienti dal resto del mondo vanno ricordati gli opali dell'Australia, le rodocrositi della Romania, un rubino dell'Africa e vari esemplari di Norvegia e Brasile. L'importanza della collezione è accresciuta dal fatto che i campioni sono accompagnati da una completa documentazione scritta e fotografica.

 

Canavesi Alberto
Collezione comprendente minerali provenienti da miniere della bergamasca e da varie località italiane ed estere tra cui vari stati europei, località africane e americane. Sono presenti 236 specie.

 

Direction Geologica de Minas, Geologia e Hidrologia
Campioni donati a scopo didattico dall'Istituto Minerario Sudamericano e comprendenti 23 specie.

 

Stuer Alexandre
Raccolta comprendente campioni di vario genere provenienti da numerose località italiane (Lombardia, Sicilia, Trentino Alto Adige) ed estere e contenente 73 specie.