Sabato Nov 18

La sala di etnografia

Nell’ala sud della Cittadella è presente l’esposizione dedicata alla culture extraeuropee. La sala di etnografia del Museo contiene reperti donati alla Civica Amministrazione a partire dal 1855. Oggi le collezioni sono costituite da oltre 1200 oggetti provenienti principalmente dall'Africa e dalle Americhe. La nuova sezione etnografica permette al pubblico di fruire di importanti collezioni frutto di donazioni fatte al museo e da tempo custodite nelle sue raccolte di studio. Nell'ottocento i viaggiatori donavano ai musei di scienze naturali i reperti campionati nei loro viaggi in quanto convinti dell'insignificante rilevanza artistica degli stessi. Sono esposti manufatti ed oggetti attribuibili a culture tradizionali del continente africano ed americano dall’importante valore artistico e rituale che permettono al visitatore di uscire dai propri confini e compiere viaggi virtuali in terre lontane sia nello spazio che nel tempo. Questo ambiente è stato dedicato al Comm. Aldo Perolari che ha donato, nel 1989, alla città di Bergamo un’importante collezione costituita da 413 oggetti riferibili a 86 culture dell’Africa sub-sahariana che costituisce il nucleo etnografico più importante del Museo. Di particolare interesse gli oggetti appartenuti a Costantino Beltrami, scopritore delle sorgenti del Mississippi, a cui va il merito di avere raccolto importantissimo materiale rituale delle popolazioni amerindie.

Etnografia Etnografia