Mercoledì Nov 22

Ricostruzione di Eryops

eryopsweb

Novità nell'esposizione di paleontologia: ricostruzione di Eryops

Recentemente è stata introdotta una novità nell'esposizione del museo.

Nella nicchia sopra la porta della sala dedicata ai dinosauri si trova la ricostruzione di Eryops, un anfibio vissuto nel Nord America nel Permiano inferiore, circa 280 milioni di anni fa.

Questo anfibio aveva una grossa testa, larga e piatta, dotata di una dentatura da predatore. Si nutriva di pesci, piccoli rettili, anfibi e invertebrati. Essendo un animale molto massiccio, probabilmente la tecnica che utilizzava per cacciare era simile a quella dei coccodrilli moderni: attendeva il passaggio di una preda in acqua, facendo emergere solamente gli occhi e le narici. Si aggirava tra paludi e laghi, ma passava la maggior parte del tempo sulla terraferma. Le sue zampe erano corte e forti, adatte a reggere il corpo robusto, lungo fino a due metri. Si ritiene che non avesse la capacità di muoversi rapidamente in acqua. Utilizzava la maggior parte della sua forza per camminare e tracce dei suoi passi sono state ritrovate come impronte fossili. Eryops conservava molte caratteristiche dei pesci, da cui gli anfibi si erano evoluti solo circa 40 milioni di anni prima, ed era uno dei più grandi animali terrestri del suo tempo.

Il calco di un scheletro completo di Eryops megacephalus si trova nella sala successiva, dedicata ai fossili.