Domenica Giu 26

La Checklist dei ragni italiani

(versione aprile 2016)

a cura di Paolo Pantini e Marco Isaia

in collaborazione con Fulvio Gasparo, Harald Hansen e Alessio Trotta

pdfChecklist of the Italian spiders April 2016.pdf3.26 MB

INTRODUZIONE

Conoscere la biodiversità di un territorio significa in primo luogo conoscere la quantità e la qualità dei taxa presenti nello stesso, dati fondamentali per poter svolgere in modo appropriato ulteriori approfondimenti sugli aspetti ecologici e biologici delle varie specie. A loro volta queste conoscenze sono indispensabili per coloro i quali devono progettare e pianificare interventi volti alla tutela dell'ambiente ed alla valorizzazione della biodiversità. L'Italia è stato il primo Paese europeo ad organizzare un censimento della fauna nazionale grazie alla pubblicazione, a partire dal 1993, di una checklist delle specie animali italiane (Minelli, Ruffo & La Posta, 1993-1995). A tale lista ha fatto seguito in tempi recenti il progetto CKmap con lo scopo di quantificare meglio le risorse faunistiche del nostro paese e verificarne la distribuzione sul territorio (Ruffo & Stoch, 2005). Nonostante questo primato la conoscenza delle specie animali che vivono in Italia è ancor oggi ben lontana dall'essere completa soprattutto se si considerano gli invertebrati (Ruffo & Vigna Taglianti, 2002).Tra questi gli Araneae si rivelano particolarmente interessanti in quanto rappresentano uno dei più grandi gruppi di predatori terrestri, caratterizzati da un'elevata diversità e dalla capacità di colonizzare tutti gli habitat terrestri. Inoltre, grazie anche alla sensibilità ai cambiamenti antropici evidenziata da molte specie ed alla posizione strategica occupata da questi predatori apicali nella catena trofica i ragni sono particolarmente importanti negli studi di carattere ecologico. Scopo di questo sito è quello di fornire un quadro aggiornato delle conoscenze sull'araneofauna italiana.

Leggi tutto: Checklist ragni italiani

Checklist of the Italian spiders

(version April 2016)

by Paolo Pantini and Marco Isaia

in collaboration with Fulvio Gasparo, Harald Hansen and Alessio Trotta

pdfChecklist of the Italian spiders April 2016.pdf3.26 MB

INTRODUCTION

Knowing the biodiversity of a certain area primarily means understanding the quantity and the quality of the taxa inhabiting it. Such kind of information represents the basis for all scientific studies focusing on any species occurring in a specific area. In addition, biodiversity data are essential for nature conservation, fruition and management. Thanks to the publication of the Checklist of the Italian species of Animals (Minelli, Ruffo & La Posta, 1993-1995), Italy is the first country in Europe organizing a national-based faunistic census. Some years later, the CKMap Project (Ruffo & Stoch, 2005) aimed to quantify and consolidate the knowledge of biodiversity in Italy. Despite these important research projects, knowledge on Italian biodiversity still remains far from being complete, in particular when considering Invertebrates (Ruffo & Vigna Taglianti, 2002). Among Invertebrates, spiders are highly diverse predators, capable of colonizing all terrestrial habitats. Moreover, given their sensibility to human-induced environmental changes and their strategic position in the food chain, spiders are particularly important in ecological studies. In this comprehensive work, we aim at providing an updated framework of the knowledge on the Italian spiders.

Leggi tutto: Checklist italian spiders